Le “monografie”

Nel progetto trovano spazio anche alcune “monografie”, incontri di durata variabile (30÷180 minuti secondo l’argomento e/o la platea, più Q&A o dibattito, se previsto) nei quali tratto temi specifici, particolarmente indicati per gli adulti che hanno a che fare con ragazzi in età scolare ma adatti anche a chiunque navighi in Rete e voglia farlo in sicurezza e con competenza.

Alcuni di questi incontri sono approfondimenti di argomenti già presenti nel percorso principale, altri riguardano temi di attualità o solo apparentemente a latere… in ogni caso, la consapevolezza in merito a tali materie è comunque indispensabile oggi e ancor più in futuro.

Queste le monografie più richieste…

  • #proteggiamoci (la protezione dei propri dati è una scelta determinante, sempre)
     
  • scrivi@moci (ma attenzione alle minacce, non tutta la posta è “giusta”)
     
  • #bullismOggi (il bullismo contemporaneo)
     
  • #thinking (il pensiero computazionale, ovvero come cambiare i paradigmi dei processi creativi)
     
  • InternetHistory (la storia dell’Internet)
     
  • Cinquanta sfumature di nero (sexting, grooming, sextortion, revenge porn… cosa sono veramente?)
     
  • True or fake? (fakenews e disinformazione)
     
  • Diritto d’autore e pirateria (Internet non è “terra di nessuno”)
     
  • Bitcoin (scambiare in Rete non solo informazioni ma anche proprietà)
     
  • ombre 2.0 (la tecnologia che aiuta ad affrontare la perdita delle persone care)
     
  • La “Connected Era” (cloud, Internet of Things, robot)
     
  • Cenni di cybersecurity (password, virus e antivirus, software originale…)
     
  • Computer Ethics (una riflessione su etica e ICT)
     
  • Cos’è Scratch? (un linguaggio di programmazione visuale, ad oggetti e fortemente multimediale)
     
  • #neknomination (sfida alcolica online tra adolescenti)
     
  • La profezia di Einstein (incontro semiserio… per discuterne sul serio)
     
  • Intelligenza Artificiale (pregiudizi, riflessioni, etica)
     
  • hikikomori (la sindrome del ritiro sociale: adolescenti chiusi in una stanza)
     
  • Auto-Radicalizzazione (percorsi di radicalizzazione autonoma)
     
  • Il metaverso (un vero e proprio mondo parallelo condiviso in Rete)
     
  • Dark web (il lato oscuro della Rete)
     

Su richiesta posso volentieri esaminare argomenti che potrebbero interessare una specifica platea e preparare incontri mirati, se ne sarò in grado… e con i tempi necessari. È capitato, ad esempio, per “Blue Whale” (un mito di morte pericolosamente gonfiato dal giornalismo sensazionale), “Dialogo sui massimi errori” (brainstorming semiserio su cosa non fare in Rete), etc.

 

 

 

» inizio pagina


 

disclaimer privacy warning credits

Contents, Design and Engineering © 1997÷2022 by Castrovinci & Associati